2(1)

La Milf Redefinition di Isabella Cecchi e Regina Miami

Replicato a grande richiesta il 14 marzo scorso al teatro Il Grattacielo di Livorno dopo le due date di febbraio, Milf Redefinition si è rivelato uno spettacolo piacevole e spassoso, e al contempo di quelli che ti lasciano domande in testa, tanto che i personaggi che conosci sul palco continuano a vivere nei tuoi amici e nelle tue amiche: una narrazione vera, che dona spessore alle caratterizzazioni per il solo paradossale realismo dei dialoghi esasperati ma non esasperanti.

milfredefinition

 

La storia scritta e interpretata da Isabella Cecchi (già, fra gli altri, con Lillo e Greg, Teo Mammucari, Enzo Salvi, Gaia De Laurentis, Paolo Virzì, Leonardo Pieraccioni, Carlo Mazzacurati) ruota attorno alla crisi depressiva di una milf appena lasciata dal toy-boy, e fin qui niente di particolare, se non fosse che l’amica del cuore, colei che dovrà risollevare dal divano e da un colossale barattolo di Nutella l’appetibile madre in pigiama e pantofole, è una drag queen — interpretata dalla simpaticissima e acidissima Regina Miami.
Un sabato sera chiuse in casa diventa così un momento per prendere consapevolezza di sé, con buonsenso, ottimismo ma anche tanta ironia: dalla comicità con cui Regina tenta di trasformare Isabella in una finta vamp su Badoo, fino alla vendetta sull’inconsapevole toy-boy già tornato dalla giovanissima ex. Sì, perché quanto di esperto e passionale può trovarsi per i ragazzi nella “torta della nonna” è in verità un qualcosa di ancora più ingenuo delle ragazze di oggi: le milf sono legate agli slanci sentimentali di una volta e difficilmente riescono ad accontentarsi di “una corsa e via.” Qui entra in gioco quel battibeccare un po’ annoiato un po’ premuroso che a conti fatti è una tenera amicizia queer: i dialoghi sulle differenze di vedute fra Regina/Nunzio e Isabella, sul modo in cui interiorizzare le relazioni, sono sicuramente i più riusciti, sia all’interno della storia — per il convincimento di Isabella, “là dove nessun uomo è mai giunto prima” — sia per le reazioni divertite del pubblico; se i consigli di Regina su abbigliamento e make up sono quelli di un’amica, i suggerimenti si sdoppiano con Nunzio, che dal punto di vista di Isabella rimane comunque un maschio, con tutto il suo utile disincanto e pragmatismo — finché non si punzecchia pure il suo amor proprio.

Milf Redefinition è uno spettacolo buffo e arguto, mai volgare e adatto a qualsiasi pubblico. Una notte di formazione di cui sicuramente sentiremo ancora parlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*