nehelln

Storie di strascichi #4: Nehellenia, la showgirl del Muccassassina

Se vi avessi raccontato tutte le avventure della drag che voglio presentarvi oggi, l’aguzzino di Refusi Etc. mi avrebbe rispedito indietro il pezzo dicendomi che la gente su Internet non legge così tanto [è esattamente quello che avrei fatto! NdAguzzino]. Così ho cercato di stringare, ma capite bene già dal nome che la faccenda è complicata:

2Sono appassionata di mitologia greca e romana e i miei cartoni preferiti sono l’anime Sailor Moon e La bella addormentata Disney. Il nome riprende quello di una divinità celtica associata alla Luna ed è stato utilizzato per uno dei principali antagonisti di Sailor Moon. Il racconto di Nehellenia ricalca per molti aspetti quello della Bella addormentata nel bosco: al pari di Malefica, appare alla festa della nascita della nuova erede al trono, furibonda per non essere stata invitata, e lancia una maledizione di sonno eterno.

5Lei mi ha narrato tutta la storia, ma, mentre voi potete trovarla nei fumetti, io devo per forza di cose passare a raccontarvi che Nehellenia nasce il 24 marzo 2012 in occasione del concorso per talenti emergenti “Giam Academy”, organizzato dalla nota serata lgbt “Giam” di Roma, ma lascia il contest dopo quattro serate. Nel frattempo, tenta di iscriversi alla seconda edizione del “Drag Factor”, organizzato all’epoca da Gloss e Glamorize di Roma, ma le squadre sono già al completo. Quando una delle concorrenti di Polena — madrina delle showgirl — si ritira, Nehellenia ottiene la possibilità di parteciparvi.

Fu un’esperienza molto importante per me. Io ero al mio esordio e gareggiavo contro drag di fama nazionale come Pingy Gonzales, She Wulva, Paul Lestat, Mirage de la Nuit, e anche se ero quella meno preparata di tutte, sono stata aiutata e supportata, in special modo da Pingy Gonzales. Quell’anno riuscii ad arrivare prima in una delle serate a eliminazione, e in finale con tutte le professioniste.

1Dopo l’esperienza del Factor e il secondo posto a “Miss Performance 2012”, lavora a “Evolution Transmania” come performer drag, e inizia la gavetta al Gloss grazie a Polena, che decide di fare di lei sua “figlia legittima.” Iniziano così le serate in giro per l’Italia con la compagnia “Circo Nero” (Milano, Salerno, Portofino), e al Gilda di Roma, senza contare feste varie e notti bianche. Viene inoltre scelta come madrina Epilzero durante il concorso Mr. Gay Lazio, svoltosi al Gay Village.
Nel 2013 partecipa per il secondo anno consecutivo al Drag Factor, che nel frattempo sta diventando un fenomeno nazionale; più matura e preparata dell’anno precedente, riesce ad arrivare alla finale “Casamadre”, classificandosi terza, anche se il podio non le consente di raggiungere la finale nazionale. Sempre in quel periodo partecipa a Miss Drag Queen Fb, vincendo la categoria Emergenti, che le dà la possibilità di sfidare le professioniste alla finale di Roma; durante il concorso vince anche i titoli di Miss Drag Queen Rivelazione 2013, Miss Curve Morbide e Best Challenge assieme a Estelle Carrera.

Sempre nel  2013 inizia la direzione artistica di un ristorante Drag show a Fiumicino, ER Bucaniere, che ricordo con un sorriso. Per quanto tutto il cast fosse agli inizi, eravamo amatorialissimi, le serate sono andate sempre bene, e ci è servito sicuramente come gavetta.

6Nello stesso anno viene chiamata per essere Drag Resident e volto di una nuova serata apericena romana, “Illusion”, ma dopo due stagioni (estiva e invernale) decide di iniziare a lavorare presso un altro apericena gay, “Cocktail”, in contemporanea a uno etero, “Millelucciole”.

Durante questo periodo c’è stata un po’ la mia svolta comica, indotta dalle richieste della serata, quindi mi sono dovuta mettere in gioco di nuovo, con pezzi di repertorio classico come Mina, Marchesini e Franca Valeri.

Per la stagione 2013/2014 partecipa ai casting per Giam e Muccassassina.

Mentre quest’ultima mi rifiutò, il Giam decise di farmi fare un’ospitata, e fu davvero una bellissima esperienza, sicuramente uno dei palchi più importanti che abbia calcato.

Durante l’estate del 2014 vince finalmente il suo primo titolo: Miss Drag Queen Lazio. Grazie alla fascia partecipa in seguito a Miss Drag Queen Italia, riuscendo ad arrivare tra le prime cinque classificate.

3Anche se il quinto posto non è propriamente il podio, esco da quell’esperienza molto soddisfatta. Ho conosciuto molte drag italiane in cui ora ripongo la mia stima, e molte hanno iniziato a conoscermi e ad apprezzarmi; inoltre il mio show è stato apprezzato anche dalla giuria, tant’è che nelle votazioni degli show il mio è arrivato secondo. Ho perso punti durante la sfilata.

Per i casting della stagione 2014/2015 di Muccassassina ci riprova, e dopo varie traversie riesce finalmente a convincere Diego Longobardi.

Ed eccomi qui, la nuova presentatrice di Muccassassina! Questa è davvero l’esperienza più emozionante, magica e creativa che sto avendo. Molte drag ucciderebbero per avere il mio posto, come l’avrei fatto io. Stare al Mucca è un po’ il sogno che si avvera.

Ma chi deve ringraziare?

Sono sempre stata coreografa, truccatrice e dj di me stessa; ho imparato a truccarmi tramite tutorial su Youtube, e pure per i miei look cerco di provvedere da sola, anche se spesso sono ricorsa all’aiuto di costumisti come Piero Ragni. Ho fatto molta gavetta, e sono cresciuta artisticamente cercando sempre di ispirarmi a grandi Drag Queen Italiane; sono stata aiutata dai consigli di Polena, Kasta Diva, Bryghitte Cecchi Gori, La Fleur Du Male, Paola Penelope, Miss Pingy Gonzales, Maruska, Silvana della Magliana, Lil Brit Von Theese, Vergana, Tiffany, i Karma B, le Dayama, Radamantis e La Diamond. Tutte in qualche modo mi hanno corretto errori e\o mancanze, migliorandomi notevolmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*